Io volontaria per scelta

Monica De Feo

 Sono entrata in questo mondo in punta di piedi, non sapendo realmente a cosa andavo incontro, sentivo che dovevo fare qualcosa, non ricordo bene come è nato tutto , però ho cercato di fare subito la mia parte. Oggi , mi ritrovo catapultata in una realtà fatta di tantissime rinunce, vita privata quasi annullata , lacrime e disperazione per ogni emergenza a cui ti devi sottoporre. Il mondo del volontariato , è molto particolare , quando ci entri dentro finisci in un tritacarne, sei perennemente in bilico su di un filo, da ogni tua azione dipende la risoluzione e la vita di un anima in cerca del suo posto nel mondo . Mi occupo di appelli, preaffidi, post affidi, staffette, ecc. , ore interminabili al telefono ad incastrare tutto e fare in modo che non ci siano problemi.

Telefono acceso sempre, disponibilità assoluta e paura, tanta paura ogni volta che prendo in carico una nuova emergenza. Conosco tantissime volontarie sparse per lo stivale, con molte si stabilisce un feeling immediato, si collabora in maniera , pulita , veloce ed esaustiva per un unico fine , L' ADOZIONE . La gioia più grande , è vedere il cane per cui non hai dormito la notte, tra le braccia della sua famiglia, non c'è felicità maggiore, ti senti felice, in pace ed appagata... poi pensi che per uno che salvi 1000 vengono abbandonati, reclusi, picchiati, torturati ed uccisi. Ti prende lo sconforto, pensi di smettere , di fare un passo indietro e ... riprenderti in mano la tua vita , si quella vita fatta di piccole cose, di azioni quotidiane , ma  il pensiero è sempre li, a loro , a quelli che non hanno colpa, a quelle anime condannate senza aver commesso reato. Vieni a conoscenza di tante situazioni e .. purtroppo tra i tanti successi, ci sono anche le perdite, si cani pronti a partire che si sbanano in canile la sera prima, anime rinchiuse in BOX da 10/ 15 anni , non socializzate, mai una carezza , cani malati in attesa di morire.

Lo sconforto , non si può spiegare, ti senti inutile, vuota , impotente, guardi i tuoi cani, li osservi e capisci che loro sono fortunati, sono amati, curati , accuditi, non hanno paura , non dormono sotto le stelle e non cercano cibo tra i rifiuti. Si va avanti, devi farlo tutti non puoi salvarli ma... tanti si. NOI , volontari perbene siamo una goccia nel mare, ma .. non dobbiamo mai dimenticare che il mare è formato da tante gocce.

 

In molti dicono che la mia pagina FB ha tanta visibilità, forse perché , dal momento che prendo in carico un emergenza , la faccio diventare una storia a cui tutti si affezionano fino al lieto fine nella massima trasparenza possibile. Ma , questa grande notorietà, può anche essere dannosa , si perché ti ritrovi 15/ 20 richieste di aiuto al giorno da persone che neanche conosci, da amici degli amici degli amici, che credono che tu possa compiere il MIRACOLO, quando basterebbe dare solo più visibilità e tracciabilità dei casi che si seguono. Ci sono tanti modi per aiutare e vorrei specificare come si può fare. -1Condividere sempre l' appello dal post originale, taggando più persone possibili, si perché quegli occhi devono far breccia nel cuore giusto 

Aiutare , vuol dire anche segnalare i casi nel proprio comune alle autorità preposte, ai volontari, canili, rifugi , ecc Spesso e volentieri vediamo cani in difficoltà e persone che si limitano a fare fotografie. In questo caso ci si macchia come chi lo ha abbandonato, incatenato , ecc. SE un cane è per strada ed in pericolo, ci si ferma, lo si aiuta e si contatta chi di dovere, tutto ciò , può salvargli la vita (dare una occhiata  al nostro articolo cosa devo fare se trovo un animale ferito e abbandonato).

-Ora che l'inverno è arrivato , noi volontarie ci facciamo prendere dallo sconforto, si , perché sappiamo perfettamente che tanti cani rinchiusi nei canili e per strada non supereranno l' inverno , troppo piccoli, troppo malati o troppo anziani. Siamo perennemente alla ricerca di stalli casalinghi e per chi vuole aiutare basta veramente poco. Lo stallo casalingo consiste nell' aprire la propria casa ad una fi quedte anime sfortunate sino ad adozione e riuscire a dare una possibilità , forse l' unica della sua vita. -4 Aiutare , vuol dire andare in canile, rifugio ecc. e portare coperte , maglioni inutilizzati, traverse, cibo umido per i nonnini ,crocche , per fare 2 carezze ad un cane, aiutare a pulire i box e portarli in passeggiata.

Per noi volontarie ogni cane ha una sua storia , un suo vissuto che magari non conosciamo e quindi ci leghiamo a lui in maniera viscerale. Nel mio percorso come volontaria , ci sono stati 2 casi che mi hanno particolarmente segnata e oggi voglio raccontare la loro storia.

 

Febbraio 2017, vengo contattata da un privato che mi chiede aiuto per riuscire a far adottare il suo cane. Beh questa è la storia di un cane mai adottato

Muore il capo famiglia, la moglie anziana insieme ai figli decidono di dare il loro golden in adozione .Ok, va bene , faccio post, mi contattano le persone interessate , faccio controlli , preaffidi e trovo la famiglia giusta. Nel comunicare tutto ciò ai proprietari, mi fanno sapere che hanno deciso di tenerlo, ..va bene, ho perso un mese dietro tutto ciò , ma sono contenta che il cane resti in famiglia. Intorno a giugno , mi ricontattano e mi chiedono nuovamente aiuto. Non possono tenerlo ed hanno bisogno di me. Accetto anche questa volta, l' iter è lo stesso, trovo una splendida famiglia di Rovigo.  Il lunedì pomeriggio, viene effettuato preaffido , tutto perfetto, la partenza del cane è prevista per il sabato..... ma qualcosa va storto, si quel giorno in Lombardia, c'e stato un nubifragio, lui era fuori, aveva molta paura del temporale e un incidente.. se lo porto' via. Non mi sono data pace , avevo deciso di smettere, ho pianto tutte le mie lacrime per una settimana, ..ma poi le ho asciugate ed ho ricominciato per tutti quelli che hanno solo noi.

style="display:block"
data-ad-client="ca-pub-9102646979890169"
data-ad-slot="5261036333"
data-ad-format="auto"
data-full-width-responsive="true">

 

L' altra vicenda che mi ha colpita in maniera pesante , è recentissima, una storia di un mese fa...

Tramite una volontaria di Torino, un martedì qualunque vengo contattata da una signora che piangendo mi chiede aiuto per un cane che vive su di un balcone da 9 anni. Il giorno dopo sono da lei, mi racconta la storia di Shon , ed io riesco a rimanere .. senza parole. Acquistato dal proprietario , inizialmente amato e accudito, poi , ci si fidanza, ci si sposa , nascono i figli e quel cane è un peso. Si lei, non lo ha mai amato e quindi viene relegato per 9 anni sul balcone. Lui vive così, nel condominio, tutti sanno e vorrebbero aiutare ed a quel punto entro in gioco io. Mi fanno conoscere il cane, un anima disperata, stressata, con uno sguardo perso nel vuoto, il pianto di un neonato e il suo cercare aiuto nel darmi la zampa e buttarsi addosso. Faccio appello lampo per lui, spero in un MIRACOLO e durante il mio viaggio di ritorno , mi contatta una persona , mi chiede di lui è mi dice che vuole adottarlo. Immediatamente facciamo rete tra volontarie per preaffido immediato su Firenze . 4 giorni dopo , prelevo SHON a TORINO e lo porto a LA SPEZIA , li ci raggiunge quello che è diventato il suo papà e che gli ha fatto dimenticare, l' inferno in cui è vissuto per 9 anni.

 

 

Aiutare, condividere, segnalare, questi gli aiuti che tutti possono dare per aiutare un anima Tutto ciò è possibile ... anche se non si è volontari.

 

Commenta con Facebook

Altri Articoli che potrebbero interessarti

 

Brutis, un Golden Retriever eroico

Siamo nel 2004, un sabato mattina come tanti altri, nella contea di Hudson, i coniugi Oreto decidono di portare i nipotini a fare una bella scampagnata, un picnic all'aria aperta, un maneggio nelle

 

Un amore oltre i limiti, Grant e Gioia

Ciao gruppo mi chiamo Maddalena, ho 36 anni e vivo a Bari.

 

Cani e bambini... oltre l'autismo

Ho  45 anni, mi chiamo Simona. Ho tre bambini, Matteo 11, Francesco 9 e Viola 7.

 

Emma e Baloo, un Binomio Perfetto

Questa è la storia di una famiglia come tante, nulla di speciale e nulla di straordinario!