I cani e la Percezione del Tempo

Maria Carmela Mercuri

Ho la fortuna di vivere il mio cane come ognuno di noi dovrebbe poter fare, posso portarla al lavoro con me la maggior parte delle volte. Non è mai rimasta sola a casa anche se per alcune circostanze questa cosa mi ha fatto e mi fa vivere male. Non lasciarla sola significa che anche una pizza con gli amici, andare al cinema, un week end, diventano situazioni problematiche. Non solo il “distacco” da lei ma durante la pizza, il cinema, il week end io ho il pensiero di lei che intanto è a casa di mamma...

Il mio consiglio è: anche se potete portare il vostro cane con voi ovunque, imparate prima voi a stare qualche ora senza di lui, ed insegnate a lui a stare senza di voi. Insegnategli che può fidarsi, voi tornerete sempre a casa. E allora andiamo a scoprire insieme se il cane ha o non ha la cognizione del tempo che passa.
Beh, non è del tutto un si ma nemmeno del tutto un no.
I cani si rendono conto del tempo che passa basandosi su fenomeni esterni come può essere la luce del giorno, i rumori del mondo che si sveglia etc etc ma anche da fenomeni interni come il senso di fame, la necessità di fare i bisogni etc etc.
Associando quindi tutti questi eventi che si ripetono il cane riesce ad anticipare ed intuire gli eventi stessi.
Se per esempio alla luce dell’alba il suo umano si alza, si veste e mette il collare/guinzaglio al suo peloso, il cane comincia a sapere che è ora di uscire. Dopo un po’ di volte che questo si ripete, il cane quando vede la luce dell’alba e il suo amato umano alzarsi non sa che ore che sono ma sa che adesso andrà in spiaggia, al parco, nel bosco.
Pare che i cani “odorano il tempo” il loro olfatto, si sa, è qualcosa di fenomenale. Associano quindi negli odori tutti i vari cambiamenti.
Un odore molto intenso significa meno tempo trascorso. Un odore meno intenso significa più tempo trascorso. Quando usciamo di casa, lasciamo per il loro sensibile naso il nostro odore. Finché il cane riesce a “sentire” il nostro forte odore, intuisce che è passato poco tempo, siamo appena usciti di casa.
A mano a mano che il tempo scorre, il nostro odore diventa sempre meno forte.
Il cane quindi impara che se il nostro odore è “lontano” vuol dire che è passato tanto tempo e vuol dire quindi che stiamo per tornare a casa ed ecco che si prepara: si eccita, si emoziona, si posiziona di fronte alla porta e via via tutti i comportamenti che ci lasciano senza fiato!

Perché che siano trascorse 5 ore o 5 giorni nessuno ti accoglie a casa come il tuo cane.... e poi, avete mai notato che i nostri amati amici a quattrozampe ci riservano un'accoglienza estremamente "festosa" anche quando ci allontaniamo da casa anche solo per 5 minuti? Questo è un discorso leggermente più complesso, come si può spiegare questo fatto? Qui entra in gioco un fenomeno chiamato ansia da separazione, si verifica quando il cane vive il distacco da noi in maniera ansiosa ed intensa. Il cane che soffre di ansia da separazione è solito entrare in uno stato di agitazione già quando cominciamo ad avvicinarci alla porta di casa, l'agitazione aumenta in maniera esponenziale col passare delle ore passate in solitudine.... in questo caso però è assolutamente necessario l'intervento di un educatore cinofilo professionista (a tal proposito vi suggerisco questo articolo "come scegliere un Educatore Cinofilo").

Al nostro rientro la sua voce che quasi tremante ti parla, i suoi occhi che sorridono, la sua danza che ti avvolge e coinvolge, il suo cuore a festa!

La tua anima che si ristora.

Commenta con Facebook

Altri Articoli che potrebbero interessarti

 

Perché il cane mi ruba le Scarpe e le Ciabatte?

Il Cane e le nostre calzature.... un amore così grande e talvolta "morboso".

 

Essere un buon Leader

Come essere un buon leader e farsi ascoltare dal proprio cane? Ma soprattutto cosa vuol dire veramente essere leader?

 

Consigli per Viaggiare in Auto con il Cane

Sia che davanti a noi si prospetti una vacanza vera e propria o una classica gita fuori porta di una giornata, con questo articolo proveremo a dare alcuni consigli per affrontare al meglio un viagg

 

Allevare che Passione…! Ma cosa c'è dietro?! 5° Puntata

Nel precedente articolo abbiamo chiesto quante cucciolate fanno all'anno l